Home | Introduction | What's Included | Products | More Info | FAQ's

cucino in giardino codice promo timberland

cucino in giardino

sentieri golosi tra fiori e verdure

martedì, ottobre 17, 2017

i lupini della prateria



Domenica, complice una giornata di ottobre memorabile e anche un po' allarmante - 1600 m slm in maglietta!!- , è venuto a trovarmi il mio amico Paolo e con la Bee e i nostri compagni di Watten (sì da bravi vecchietti giochiamo a carte tutte le settimane) siamo andati nell'ultimo brandello sudtirolese al  confine col Trentino: Anterivo Altrei, nel bel mezzo del parco del Monte Corno, un mio posto dei ricordi.


Il bosco in questa stagione comincia a virare e i larici e i radi faggi si infiammano e accendono di acuti il bordone dei pecci.
Normalmente per arrivare alla malga di mezzo, occorrono tre quarti d'ora di buona camminata...noi ne abbiamo impiegate quasi due, ma come potevamo resistere al richiamo delle erbazze di luce?!
Praterie di Festuca pungente grigioverde, con le spighe colpite dalla luce radente, formavano una nebbiolina dorata e ciuffi di Deschampsia (prova a dirlo Paolo ;O) ) indecise tra il verde e l'arancio completavano il tessuto insieme ai mirtilli e ai ginepri.
Non ce n'è per nessuno, tra tutte le piante, solo le erbazze sanno catturare la luce e rendere morbido e avvolgente anche un cupo bosco di conifere.
Ma ecco il richiamo della Bee: alloraaa che ci pappano tutti i canederli e rimaniamo digiuni! e allora via di buona lena ma proprio dietro l'angolo erbazze ancora più spettacolari, le Calamagrostis alte anche un metro e mezzo, si stagliavano sullo sfondo scuro e ci obbligavano ad un'altra sosta.

Lo so che non tutti trovano esaltante un paesaggio beige, ma immaginate cosa si potrebbe fare ispirandosi e aggiungendo qualche fioritura settembrina (vedi post precedente), altro che prato verde ben rasato!



Sulle alture di Anterivo ci sono anche zone umide spettacolari, con laghetti completamente fioriti di ninfee e nascosti da praterie di cannucce e betulle. Alla luce del tardo pomeriggio, il bosco riflesso sullo specchio nero dei laghetti di montagna crea un paesaggio da meditazione e una sosta in silenzio, seduti sulla sponda, regala  immagini che rimango a lungo anche ad occhi chiusi.


Ma Anterivo è conosciuta anche per il suo prezioso caffè di lupini, salvato dalla scomparsa, dall'ostinazione di un'anziana contadina che ogni anno, da quando aveva ricevuto in dono dalla nonna i preziosi semi, lo ha riseminato nel suo orto.

E non un lupino qualsiasi ma un Lupinus tutto speciale, il Lupinus pilosus Murr., con gli spettacolari fiori blu e i baccelli cicciotti e vellutati, con tre semi ciascuno.
Con pazienza, l'aiuto di una giovane agronoma e un gruppo di giovani agricoltori (se la storia vi appassiona c'è un bel video in rete) è stata avviata una coltura che permette oggi al "caffè di Anterivo" di poter essere venduto non solo nei negozi locali.

Ocio! non pensate di bere un caffè! Ho provato con la moka ma è stato un disastro.
A me piace prepararlo quasi fosse una tisana, bello luuungo e senza dolcificanti.
Il profumo è intenso, di pop corn e il gusto è piacevolmente amaro, erbaceo.

Ma la vera buonezza è mescolarlo al cioccolato amaro...provare per credere.

TEGOLE AL CAFFÈ DI ANTERIVO

150 g cioccolato amaro al 70%
un cucchiaino colmo di caffè di Anterivo in fiocchi

Ho temperato una buona stecca di cioccolato con almeno 70% di cacao, quello che più vi piace,( noo dai che il temperaggio del cioccolato non ve lo spiego che ci sono i siti apposta belli precisi e non sono mica Knamm io),

 l'ho lasciato raffreddare e al secondo riscaldamento ho aggiunto un bel cucchiaino di fiocchi di caffè di lupini; ho dato 4 colpi col panetto di burro al retro della teglia da forno e ci ho incollato un foglio di carta da forno, per non far volare via tutto! Ho colato a mucchietti ben distanziati il cioccolato e ho spalmato con una spatolina,cercando di fare dei cerchietti non troppo sottili. Ho messo in frigo alcuni minuti, con teglia e tutto e subito ho spolverizzato altri fiocchi di caffè sulla superficie dei dischetti., Via ancora in frigo per qualche minuto.
Le tegole sono proprio buone, il gusto ci azzecca e ricorda il cioccolato con le fave di cacao, ma più intenso.
Astenersi amanti del cioccolato al latte...il gusto è bello deciso.

Ah, tutte le foto sono cliccabili per l'ingrandimento.

Saluti golosi, il cat
 



martedì, ottobre 10, 2017

l'autunno è la nouva primavera

foto dei settembrini scattate al vivaio Priola


Un buon profumo di pane, giornate ancora calde e la pazza gioia dei settembrini mi hanno svegliato dal luuungo torpore.
Eccomi qui, un po' impacciato ad affacciarmi ancora da questa finestra.
Innanzitutto un grazie grande come una casa per l'affetto e i mille messaggi che in tutti questi anni di black out, duri e puri, avete ancora lasciato sia sul bloggo che sulla mail.
Alcuni mi hanno fatto scappare una "toccatina", diciamo proprio lì dove porta bene, altri mi hanno fatto scappare pure qualche lacrima d'affetto, siete forti! e non sapete quante volte mi sono  riletto alcuni commenti sganassando.
Sì, sono cambiate tante ma tante cose, ci siamo un po' persi di vista, capita, è la vita ma non ho mai smesso di fotografare erbazze e fiori, cucinare dolci e lottare con la bilancia e ho 5 anni di foto e storie ingrumate nel computer che fremono per essere raccontate.
Per dire i pm sono diventati GM, Nico il grandemostrogrande è maggiorenne!!!  
Ma ora dobbiamo ringraziare gli "Scriba", Kat e Remy e a Clara, lettrice affezionata,  che mi hanno coinvolto in questa iniziativa panettiera e che hanno spezzato l'incantesimo del post in bianco.

Pane nero e settembrini, Aster, schietti allegri e campagnoli come risvegliarsi meglio?
Perché  dedicare un angolo del giardino o un bel  vaso sul terrazzo agli astri, effimeri come stelle cadenti? ma per pura gioia, spuma colorata! La luce autunnale li accende e anche le tinte più fredde sono sempre scaldate dal bottoncino centrale. Astenersi amanti dei giardini perfettini e pettinati.

Ma ora torniamo al pane.
In tutti questi anni ho smanazzato chili e chili di pasta madre, condivisa con gli amici, surgelata, scongelata, dolce, salata e ho letto tanto su tuttiitipidisiti.
Roba da far spavento, rituali, operazioni complicatissime, metri e metri di pellicola trasparente...come sempre ho pensato: vediamo se funzia anche semplificando e pare funzi bene!
La pasta madre che ho sempre utilizzato è del tipo "plastilina collosa" donatami da un amico tanto tempo fa, utilizzando per i rinfreschi solo farina 00, non integrale (ho assaggiato alcui pani di pasta madre solo integrale e il gusto troppo acido non mi piaceva proprio!).
Più acqua contiene la pm più lievita velocemente ma produce un sapore molto acido, a volte piacevole a volte no, fuori controllo.
La pm più compatta ha bisogno di più tempo per lievitare ma il gusto a fine cottura è delicato e nocciolato.
Il vasetto per la conservazione della pm (ora la pm è lei, non una nova pargola vero?!) ha il suo perché: vasetti stretti e alti, dove la pm possa "arrampicarsi" la tengono più vispa, provare per credere.
Per il rinfresco pesavo ca. 150 gr di pm alla quale aggiungevo 150 g di farina 00 (quella bio che preferite, ma buona nevvero?!) e 75 g di acqua a temperatura ambiente, una bella smanazzata e poi coperta da un panno umido fino al giorno dopo.
A volte ho lasciato la pm in frigo per più di 2 settimane. In questo caso, prima di utilizzarla toglievo la crosticina spessa e poi la rinfrescavo almeno 2, 3 volte.  
Le prime volte, a malincuore, dopo aver spacciato pm a tutto il vicinato, colleghi ecc., buttavo via quella in eccesso.
Poi un giorno, dìn!, la nonna Gabri, la nonna della pm, mi ha insegnato questo trucchetto e da allora abbondo con i rinfreschi.


CHAPATI PIADA DI RECUPERO
 
Prendete la pm avanzata dal rinfresco (partendo da 200 g di pm si ottengono più di 400 g di pm rinfrescata, 150 tornano nel vasetto, e 150 devono essere nuovamente rinfrescati e usati per la panificazione - diventando 300 g - e col resto, ad occhio si aggiunge farina finché non appiccica più, si formano delle palline che si lasciano riposare mezz'oretta e poi si stendono sottilissime. Padella caldissima, senza olio, si cuociono le piade chapati per qualche minuto per lato e si salano leggermente. Scrocchiarelle e deliziose da sole o pucciate in qualche salsina.

Tornando al pane nero ecco una ricetta giusta giusta per l'occasione, un pane tradizionale della val Venosta, una delizia con burro e marmellata ma anche con lo speck e i cetriolini in agrodolce, la coppietta venostana


QUASI DEI VINSCHGER PAARLEN

150 g di pm rinfrescata 1 volta quindi 300 g
1 kg di farina di segale integrale
1/2 kg di farina integrale di frumento
un cucchiaino colmo di sale (a me il pane piace un po' sciocco, fate voi)
un cucchiaio di malto d'orzo
acqua tiepida (rigorosamente ad occhio, circa due bicchieri, poca alla volta, finché la pasta diventa lavorabile ma ancora abbastanza appiccicosa)
1 cucchiaio di semi di finocchio tritati
1 cucchiaio di semi di cumino dolce tritati 
1/2 cucchiaio di trigonella caerulea "Brotklee" essiccata
In una gigantesca boule d'acciaio inox che tiro giù dalla soffitta appositamente (in cucina o lei o noi!) impasto tutto aggiungendo l'acqua a poco a poco, smanazzo per bene  all'antica, con le nocche dei pugni chiusi, il metodo migliore per la segale! una bella fatica ma la planetaria???
Ecco, potrebbe essere un ulteriore scopo del ritorno al bloggo...l'azione collettiva di convincimento della Bee all'acquisto della bella macchinona! ma quale marito pensando alla macchina dei sogni, penserebbe alla planetaria multiaccessoriata invece che ad una qualsiasi automobilazza?!?

Torniamo al pane vah, formo un pagnottone, lo bagno in superficie con acqua, lo copro con un telo umido e via in frigo per 12 ore. Lo tolgo dal frigo al mattino e lo lascio fino alla pausa pranzo. Senza smanazzarlo troppo formo delle palline più piccole di un pugno che schiaccio, spolvero di farina 0  e accoppio sulla teglia cosparsa di crusca fine e farina o da cartaforno, copro con telo umido e lasco in forno spento. La sera verso le sei tolgo dal forno che accendo al  max (il mio arriva a 290°), ponendo sul  fondo una teglia con acqua bollente, abbasso a 220° e inforno per ca. 15 min. Tutta la casa profuma di fieno, il mix di spezie da pane ti porta direttamente sui prati d'alta quota.

E ora, non vedevo l'ora di augurarvi una tonnellata di
 saluti golosi, il cat
















venerdì, maggio 25, 2012

rose e lumache da corsa






Trasferta dai nonni senza la Bee  e con un pm in più. No, che avete capito! Non un nostro pm, è che siamo entrati nella fase in cui non si può più andare in gita coi genitori senza portarsi un amico.
Con tutte le promettenti mostre orticole che c'erano in ballo questo we mi sono cuccato, per lavoro, una fantastica “10 padiglioni 10” di soli pannelli solari, 'na goduria!
Per fortuna la sera, dai nonni, non mi sono fatto mancare la classica passeggiata in solitaria, passando allo scanner ogni prato, capezzagna, scarpata per scoprire cosa c'era di già fiorito.
Le fioriture quest'anno sono in ritardo ma,  citando la cantantessa” le piante non hanno fretta o scadenza” ed infatti, col gran caldo di sabato si sono aperte le prime rose che ho messo a dimora lo scorso anno. 
Sotto un vecchio sambuco è letteralmente esplosa una Rosa complicata, che non ho mai capito perché si chiami così, dato che una rosa più semplice e leggera non esiste. Roselline semplici , rosa  intenso che scolorano al sole, modeste e campagnole ma  allegre come un pic nic su una tovaglia a quadretti bianchi e rossi.
Velluto porpora da gran sera con una miriade di petali arricciati, illuminato da una broches dorata e un profumo “roserrimo” per Tuscany Superb (Rosa gallica), una vera signora Rosa, che quest'anno sono finalmente riuscito a vedere  in pieno spolvero.  Ancora più bella bagnata di pioggia, coi petali quasi viola e le gocce d'acqua che diventano azzurre. A tenerle compagnia una damigella in rosa, Zoe, una Rosa centifolia muscosa, con i calici e i boccioli ricoperti di muschio profumato di resina piccante, irresistibile la tentazione di sfregolarlo e annusare le dita: trementina, menta, basilico e, in fondo in fondo, un ricordo di rosa. Le corolle piatte e tutte arruffate (le mie preferite) profumano invece del cassetto dei foulard della nonna, dove non mancava mai una saponetta alla rosa, nella sua carta velina tutta plissettata.    


Il we è stato luungo e i pm non è che li incanti col profumo delle rose! Specialmente se piove a dirotto e hai dimenticato i game boy a casa. Occorreva un piano B. Stivali di gomma, ombrelli da testare direttamente sotto il doccione della grondaia e via, in cerca di lumache da corsa.
“lümaga lümahin, tira föra i to cürnin, se no i tiret miga föra, at taiarò la pataröla” e con questa frase magica, in mantovano stretto, abbiamo trovato 3 belle chiocciole da corsa che sono state prontamente numerate e  messe sulla linea di partenza (oh, dopo il bagno con la magnum di champagne le abbiamo liberate eh!).
Al nonno quest'anno è scappata la mano, o meglio, il piede sulla motozzappa (non parlategli di permacultura!) con la fatale conseguenza che il vecchio pollaio si è trasformato in un orto gigante, di quelli che al solo pensiero di eliminare le erbazze già ti viene mal di schiena e infatti: ci sarebbero un po' di erbazze da eliminare tra le patate...
“Ma pa' sono farinelli appena sbocciati, belli freschi e succosi!



Mi piace contribuire alla contadinitudine dei miei, sì perché noi, dritti dritti dalla città veniamo!, ma  questa volta ho spiazzato anche il famoso Paolin, che i farinelli li riteneva buoni solo per il pastone delle galline.

Cosa ci ho fatto? Ma dei gustosi
 GNOCCHI DI MIGLIO E FARINELLI (Chenopodium album)
Fidatevi i farinelli, o farinacei, sono buonissimi e non ci si può sbagliare nella raccolta. Le foglie sono di un verde glauco vellutato e, sulla pagina inferiore hanno una specie di pruina biancastra e farinosa che rimane sabbiosa sulle dita. Vanno raccolte solo le cimette e le foglie più tenere, prima della fioritura. Una rapida scottata in acqua salata e sono pronte ad essere utilizzate come gli spinaci.
La ricetta degli gnocchi l'ho già scritta: ho stracotto due parti e mezza di acqua con una parte di miglio e un pizzico di sale, ho lasciato intiepidire, ho aggiunto una tazza di farinelli lessati e tritati, alcuni cucchiai di farina integrale, ho regolato di sale  e pepe e ho lessato gli gnocchi in acqua salata formandoli con due cucchiai. Il condimento non è proprio macrobiotico! Burro fuso, salvia e formaggio, ma miglio ed erbe selvatiche non mi hanno fatto sentire in colpa.

Stella non mi sono dimenticato del giochino, ecco qui la ricetta per la collezione di piatti "mangiare bene per stare bene"
HUMMUS DI PISELLI FRESCHI
 
Ho sgranato ca. mezzo chilo di pisellini freschi, li ho messi in una casseruola dal fondo pesante con pochi cucchiai di acqua e un cucchiaio di olio evo e li ho cotti fino a consumare tutta l'acqua, spappolandoli un pochino e quasi facendoli un po' caramellare sul fondo della pentola – ocio che in due secondi dal caramello si passa al carboncino! Li ho messi in una ciotola con un cucchiaio di succo di limone, un pizzico di peperoncino, due cucchiaio di olio evo un cucchiaio di semi di sesamo tostati e passati al macinino (non avevo tahin) e una puntina di paprica dolce, niente aglio, avrebbe ammazzato il gusto dei pisellini, ho schiacciato il tutto con la forchetta. Ho ammonticchiato lo spalmino su crostini bruscati, un filo di erba cipollina e un batuffolo di timo, dolci e freschi.

Lo so, i post sono ancora un po' fuori sincro, ma è un periodo dove lo sono anch'io, saluti golosi, il cat 






 

venerdì, maggio 04, 2012

risvegli



 
Mi ha sempre stregato il sottobosco, il tappeto di foglie secche, apparentemente morte, in realtà  una soglia tra due mondi. Da qui, in natura, tutto riparte, quando meno te lo aspetti, qualsiasi cosa accada intorno, è già tutto un fiore.
Un bel segnale, via ogni indugio, ogni “e mo' con che faccia mi riaffaccio?”
Io ci riprovo, non senza  ringraziare tutti per i tanti commenti e mail affettuosi – scusate ma non ne avevo proprio per nessuno- troppo sonno arretrato.

Il sottobosco, le zone ombrose, una risorsa e una fonte di ispirazione anche giardiniera, per tipi un po' dark, come me.
Tappeti di pervinche, dopo le violette le mie preferite, resistenti al secco e capaci di illuminare anche gli angoli più bui col blu gentile delle corolle e il luccichio delle foglioline che misteriosamente  non rimangono mai impolverate, sembrano tirate col pronto.

 
Le Corydalis solida non sono così durature, appaiono e scompaiono nel giro di un paio di mesi, con tutte le foglie. La loro pallida fioritura ti coglie sempre di sorpresa, con la forza di un flash mob: un vapore azzurrognolo e violetto che riesce a rendere interessante anche la più insulsa scarpata di robinie ai lati delle strade. Di Corydalis solida esistono anche varietà a fioritura arancio, rossiccio, bianca e gialla (Corydalis lutea) da mettere a dimora in autunno, anche ai piedi di un alberozzo in un grande vaso. Occhio però,  ne esiste anche una varietà blu intenso, teribile con una r sola, color puffo.


Felci, acetoselle, misteriosi robi rosa (credo Lathraea squamaria), sigilli di Salomone (Polygonatum, fantastici quelli a foglia pennellata di bianco) ma quanta forza c'è lì tra le foglie secche?!

E gli asparagi? quelli selvatici vengono proprio da lì, dal sottobosco, concentrati di energia primaverile. 
Questa la mia nipo' intenta alla raccolta.

Per quelli selvatici è un po' tardi ma adesso è la stagione di quelli coltivati, da noi sono famosi quelli della zona di Terlano, coltivati nei terreni sabbiosi ai lati dell'Adige; mangiandoli mi sembra di assorbire un po' di questa energia e allora vi lascio due ricette con questi turioni (si chiamano proprio così) verdi, bianchi o violetti, scegliete i vostri preferiti


OVETTI DI QUAGLIA E ASPARAGI IN PASTELLA DI CECI

La pastella di ceci non è proprio una robina sudtirolese, bisogna mirare un pochino più ad est, dalle parti dell'India, ma con gli ovetti e gli asparagi cade a fagiuolo, anzi a cece!
Per la pastella ho mescolato in una ciotola 2 etti di farina di ceci, due dl di acqua, un bel pizzico di sale, un tocchettino di zenzero fresco grattugiato con la grattugia a lima e un cucchiaino raso di garam masala – ma sì che lo sapete cos'è: semi di coriandolo, cumino di malta ½ cucchiaino ciascuno, 3 capsule di cardamomo verde, ½ cm di cannella, 2 chiodi di garofano tutto appena tostato e passato al macinino – esiste anche già pronto, ma fresco è incomparabile. La pastella va lasciata riposare in frigo per ispessirsi.
Ho rassodato gli ovetti di quaglia e lessato al dente gli asparagi verdi, quelli sottili, quasi selvatici, ho pucciato ovetti ed asparagi nella pastella e li ho fritti in olio. Con l'insalatina fresca e un panino tipo chapati ci stanno proprio bene.
Volete una variante un po' più tradizionale, bon,  ma allora senza uova

ASPARAGI IN SALSA BOLZANINA VEGAN   
Già vi potete immaginare la faccia della Bee alla comparsa di questa goduria vegana vero?!
Mancava solo il retrogusto “ovoso” o “ovico” fate voi, ma la salsina con gli asparagi si sposa bene.
Ho diviso un panetto di tofu fresco a pasta fine (non usate tofu in salamoia) in due, una parte l'ho finemente sbriciolata, l'altra l'ho passata al mixer con olio d'oliva evo, un cucchiaio di aceto di mele, un cucchiaino di senape piccantina, un bel ciuffo di erba cipollina tagliuzzata, un cucchiaino di zucchero, e una bustina di zafferano e un pugnetto di prezzemolo tritato fine. Ho aggiunto il tofu sbriciolato e ho aggiustato di sale. Ho lessato asparagi bianchi e verdi nell'apposito pentolozzo alto e me li sono pappati tutti da solo.
Per la salsa originale basta sostituire il tofu con alcune uova sode – il bianco tritato aggiunto alla fine, il tuorlo passato al setaccio e mescolato con la frusta agli altri ingredienti – eccetto lo zafferano.

Saluti golosi, il cat.

domenica, febbraio 27, 2011

gattici

Al mercato del sabato, con i primi tarassachi e le prime insalatine gallinella, il gusto della primavera, arrivano in fondovalle anche i primi fiori. Sui banchetti dei contadini, accanto a severe e francescane rape rosse e oramai legnosissime pastinache cominciano a vendersi mazzolini di erica, rami di nocciolo con tutti i fiori pendenti (che mi fanno starnutire solo a guardarli) ma soprattutto i rami di salice, per comporre l'albero di Pasqua. I sudtirolesi ne vanno matti e, un po' come i giapponesi, non resistono a portarsi a casa un po' di bosco, anche solo alcuni rametti che ricordino e celebrino le stagioni; bella usanza che da sempre è stata adottata anche dalla mia famiglia. I rami di salice, Salix caprea soprattutto, sono i più gettonati, con i loro bei gattici setosi, bianchi candidi, che diventano luminescenti in controluce. Rami ai quali appendere le uova colorate, in un miscuglio di simboli legati al risveglio della terra. Mi raccomando se volete conservarli per parecchio tempo, NON metteteli a bagno, ma sistemateli in un vaso senz'acqua! Tranquilli la ricetta di oggi non è a base di salice e uova! Da Aosta, grazie ai gentili Orsi scribacchini, ci è arrivato un bel pacchetto con una goduriosa fettazza di fontina, evaporata alla velocità della luce e con un curioso sacchettino pieno di sabbiolina grigia: la famosa farina di grano arso, che da quel dì aveva titillato la mia curiosità. Qui ci vuole una ricetta sudista! Quale occasione più adatta per andare in soffitta a ravanare tra le caccavelle in cerca di quella mai usata, per partecipare alle caccavelliadi di Enza?! Tra un tostapane che fa i toast con la faccia di Sponge Bob, la forma per l'agnello di marzapane, la tortiera di silicone a forma di rosa, la teglia da crostate ovale ho finalmente trovato il ferro per i maccheroni! Cercato e agognato dopo aver girovagato per numerosi mercati pugliesi, l'ho finalmente trovato...in Sardegna! Mai usato, ma al momento dell'acquisto sembrava indispensabile: una degna caccavella, anche se di minimo ingombro!
MACCHERONI DI GRANO ARSO CON CIME DI RAPA
sottotitolo: tragggedia!
Ho mescolato 1/3 di farina di grano arso con 2/3 di semola rimacinata fine (ma la prossima volta credo che 1/5 sia più che sufficiente!!) e ho impastato con acqua tiepida e un pizzico di sale, tenendo la pasta abbastanza "fissa", non troppo morbida. Ho lasciato riposare la pasta una mezz'oretta, coperta con un canovaccio, dopodiché mi sono cimentato con il ferro spiralato. Un divertimento! Ho staccato una pallottola di pasta e, sul piano, ci ho sovrapposto il ferro, ho premuto con il palmo, rotolando su e giù, finché non si è formato il maccherone. I primi tutti svergoli, mano a mano sempre più bellini. Ho lasciato asciugare i maccheroni e ho mondato le cime di rapa; le o lessate in abbondante acqua salata, pescandole al dente e facendole ripassare in padella con olio evo, una acciughina, un pizzico di peperoncino. Nella stessa acqua ho cotto i maccheroni, che ho saltato con le cime di rapa e un filo di olio evo. Mi perdonino i puristi, ma ci ho aggiunto una grattata di pecorino! Il connubio amarotico dei maccheroni e dolciastro delle cime di rapa (sì lo so che le cime di rapa non sono dolci, ma gustate con il grano arso...) a me è parso molto interessante! Non pubblico i commenti dei Pm e della Bee, perché immagino arriveranno da soli nei biglietti sul frigo! Scriba: IO ho apprezzato molto! Cosa? è un po' che non vado di dolce? e volete un'idea per finire quella vagonata di mele un po' fiappe che giace da tempo nel portafrutta? la "fiappezza"della mela è direttamente proporzionale alla bontà dello strudel, ma quello vero, con la pasta sottile sottile, quindi
STRUDEL DI MELE CON ZIEHTEIG, QUELLO VERO!
Ho provato tante paste da strudel, ho incontrato anche molte facce da strudel, ma questa è un'altra storia..., questa è la mia preferita. L'ho scovata su "So backt Südtirol" Athesia, oggi tradotto anche in italiano. Ho impastato 150 g di farina setacciata con un cucchiaio da the di aceto, uno di olio di girasole, un pizzicone di sale e ca. 70/80 g di acqua tiepida, incordando bene la pasta, che deve diventare candida ed elastica, lavorandola per parecchi minuti, finendo con un giro di pieghe (per chi ne vuole sapere di più rimando a 'o Maestro), cioè tirando i lembi dall'esterno verso l'interno. Formata una palla liscia, la ungo con olio di girasole e la metto a riposare per almeno mezz'ora al calduccio, sotto una pentola dove ho fatto bollire un dito d'acqua, che poi si versa via. Provate assolutamente questo trucchetto, me lo ha ricordato la Bebi, mia mamma; la pasta diventa superelastica. Nel frattempo mi sono armato di santa pazienza e ho cominciato a pelare i pomi e a tagliarli a spicchi e poi a fettine sottili - ca 5 mele grosse o 7-8 piccine, se si ha la fortuna di trovare più specie un po' appassite, il gusto ci guadagna. Preparate le mele, ci aggiungo il succo di mezzo limone e la sua buccia grattata, una bella cucchiaiata di zucchero di canna integrale, una manciata di uvette ammollate e strizzate, una manciata di pinoli e una abbondante spolverata di cannella. Poi ho preparato il fondo di pangrattato. In una padella di ferro o antiaderente ho sciolto una cucchiaiata di burro con una bella spruzzata di cannella (mmm, che odorino di cucina di montagna!) e ci ho rosolato, mescolando continuamente - pena la carbonizzazione istantanea, a fuoco vivo, due, tre bei pugni di pangrattato, deve essere fresco e profumato! Continuate a mescolare anche dopo aver spento il fuoco! A questo punto la pasta è pronta, su una tovaglia, ma anche sul piano del tavolo, ho tirato un po' la pasta col matterello, mi sono unto bene le mani con olio di girasole e con le nocche, partendo dal centro, ho stirato la pasta, fino a farla diventare sottile e trasparente. Non bisogna andare subito giù duri, altrimenti si rischia lo strappo! Tirata la pasta, cospargo il fondo col pangrattato raffreddato, lasciando un bel bordo libero, ci metto le mele senza troppo sughino, aggiusto di cannella, pennello di burro fuso i lembi della pasta e comincio ad arrotolare, sempre spennellando di burro (ce ne andranno max due cucchiai da tavola, giuro!), sigillo bene i bordi - tipo involtino primavera, do un'ultima pennellata di burro luccicante al pupo e vai di forno bello caldo (170°) per 20 minuti mezz'oretta. Quello della foto è accompagnato da una salsina di prugne e marzapane, così, per non farmi mancare nulla! Un saluto goloso a tutti, il cat


codice promo timberland

ropa de madera
cheap mens timberland støvler
boutique en ligne timberland

Zalando codice sconto

In questa pagina potete trovare Zalando buono sconto e risparmiare il 10% oppure fino al 70% grazie ai saldi. Utilizzando il codice sconto Zalando ridurrete sempre il prezzo totale della vostra spesa. Non dimenticate che inoltre la spedizione è sempre gratuita.

Ricapitolando, se non l’avete ancora capito, questa è la pagina dedicata a Zalando: qui potrete acquistare grandi marchi internazionali come Guess, Timberland, Jack & Jones, Geox, Adidas, Nike, Levi s etc. ma anche prodotti che sono spesso difficili da trovare nella vendita al dettaglio. Affidatevi ai loro suggerimenti in fatto di moda e non perdetevi i loro total look!

Attuali codici sconto e sconti per Zalando - Ottobre 2017

$

Zalando - scopri la collezione ed i nuovi arrivi

Condizioni: Tanti nuovi articoli per te. Buona spesa online!  

All'offerta
70%

Outlet Zalando uomo e donna - risparmia fino al 70%. Buon risparmio !

Condizioni: Fai un giro sul sito, e potrai spendere meno sulla tua spesa online  

All'offerta
$

Qui riceverai sempre la spedizione ed il reso gratuiti. Senza limiti di spesa!

Condizioni: Acquista e ricevi la merce senza pagare spese di spedizione.  

All'offerta

Più informazioni su Zalando

codice sconto Zalando: risparmi fino al 20% extra

Zalando è conosciuto ormai in tutta Europa. Entrare nel loro sito è un pò come entrare in un enorme centro commerciale dove potete trovare una serie infinita di Outlet. In pratica Zalando è il vostro negozio dei sogni ma senza pareti ed è a portata di un click! Ottieni tra il 10% e il 20% di sconto esclusivo grazie al buono sconto Zalando che trovi in questa pagina. Il buono sconto può valere su tutto l’assortimento oppure su selezionati capi di abbigliamento. Non perdete il nostro sconto esclusivo. Seguite le istruzioni di seguito per poter utilizzare il codice sconto e acquistare a prezzi scontati. Zalando offre di certo una vastissima gamma di calzature ma se volete avere una scelta ancora piu ampia, usate il codice sconto Sarenza e potrete risparmiare scegliendo tra più di 600 maechi di scarpe.

Tutti i brand Zalando

Come faccio ad utilizzare il buono sconto Zalando

1 Scegli il prodotto che desideri su Zalando.it
2 Scegli la taglia e premi “aggiungi al carrello”
3 una volta nel carrello, clicca “procedi all’acquisto”
4  Accedi con il tuo conto o registrati come nuovo cliente
5 Una volta effettuato il log in in Zalando, controlla l'indirizzo e procedi. Troverai questa scritta.

Zalando QC1

6 scegli ora il metodo di pagamento e in basso troverai la scritta "Hai un buono sconto?"
7 Inserisci il codice del buono sconto Zalando e clicca su "utilizza il buono"
8. L'offerta è ora abilitata e lo sconto applicato: concludi l’acquisto!

Zalando QC2

Non perdete i saldi Zalando: risparmi fino al 70%

Periodicamente Zalando offre la possibilità di spendere fino al 70% in meno grazie ai saldi. I saldi sono generalmente estesi a tutte le categorie di prodotti e sará nostra premura avvisarvi il più presto possibile per non farvi perdere i prodotti più ambiti. Sul nostro sito troverete sempre le ultime promozioni e sconti esclusivi per voi clienti abituali di Zalando. Anche senza saldi - questo è l'incredibile di Zalando - troverete sempre qualcosa in offerta, un prodotto sotto costo o un brand che attraverso il loro sito vi offre uno sconto extra. Ecco perchè ha successo Zalando. Da non dimenticare è inoltre il fatto che offrono SEMPRE la spedizione ed il reso gratuito. Zalando offre una moda a 360 gradi e tantissimi tipi di calzature: se cercate una borsetta a complemento del vostro look vi consigliamo di usare il codice sconto Bagalier.

Gli ultimi trend li trovi su Zalando!

Zalando offre ai propri clienti un’esperienza pressochè unica: fare shopping online potendo scegliere tra migliaia scarpe e capi di abbigliamento. Moda a parte, potrete trovare abbigliamento sportivo per diversi sport, abbigliamento per bambini e oggetti d’arredo: tutto a prezzi veramente esclusivi. Da non dimenticare è il servizio clienti ed il fatto che i vostri ordini vengono generalmente evasi lo stesso giono in cui avete effettuato l’ordine. Questo fa di Zalando una delle più grandi ed importanti compagnie europee. Scegli tra almeno 1500 diversi brand e quasi 25.000 diversi modelli di scarpe che uniti a centinaia di migliaia di vestiti offrono incredibili combinazioni aiutandoti ad avere un guardaroba unico! E se qui non trovate i capi che volevate potete usare il codice sconto Asos e lasciarvi a capofitto in uno shop un po più hipster!



Codici Sconto Timberland

Attivo !
Promo 3,60% di rimborso cashback sugli acquisti.

Ricevi indietro il 3,60% di quello che spendi su Timberland.

Aggiungi a
Google Chrome

e ricevi Timberland 3,60% indietro

Come funziona il rimborso?

Per avere il rimborso da Timberland: fai il tuo acquisto su Timberland partendo dai link di Bestshopping e l'importo del cash back apparirà nel tuo Profilo poco dopo la conferma d'ordine da parte del Negozio.

Video Guida Youtube® all'uso del rimborso:


Ulteriori informazioni importanti e restrizioni. Per il cash back su Timberland valgono le seguenti condizioni:
  • vale solo per gli acquisti conclusi su Timberland e fatti partendo con un click da bestshopping;
  • codici sconto presi da altri siti web possono invalidare il rimborso; come fare quindi, leggi qui?
  • l'acquisto va fatto entro poco tempo dal click e comunque in una stessa sessione del browser e senza navigare su altri siti tra il click e l'acquisto (perchè si può perdere il cookie del rimborso);
  • i tuoi cookie non devono essere bloccati da antivirus o adblocker; il tuo browser o un tuo antivirus non devono bloccare la tracciatura delle url/cookie; verifica qui.
  • il rimborso è un importo calcolato sul netto di iva, sconti, tasse, spese di spedizione ed è accreditato da Bestshopping e non da Timberland
  • Il rimborso indicato da "Per Ogni Acquisto" non include, se presenti, eventuali altre categorie specifiche, per le quali viene corrisposto invece il rimborso relativo.

Tempi di consegna

Indica dopo quanto tempo dalla data di conferma di un ordine gli utenti di bestshopping hanno atteso per la consegna.

I tempi di consegna in media sono poco più di 3 giorni; inoltre, 75.00% degli acquirenti dice di aver ricevuto la consegna prima di quanto pensasse.

Metodo di pagamento

Indica i metodi di pagamento più usati nel Negozio.

Statistiche raccolte da Bestshopping (c) Pointer srl. Free usage when linking to this page. Aggiornate ogni 24 ore.

Opinioni utenti

  • Ottimo

    1 set 2017 - 11 04

    "Ottimo."

    di gbenciolini

  • Un vasto assortimento di modelli

    10 apr 2017 - 16 39

    "Primo acquisto sul sito e grande contenitore di offerte direi."

    di FranColant

  • Di facile utilizzo

    26 lug 2016 - 18 57

    "Positiva, è un negozio affidabile. Ottimo rivenditore."

    di ricciantea

  • Ottimo

    11 dic 2015 - 14 59

    "Esperienza positiva."

    di antdalbrun

  • Vai a tutte le opinioni di questo negozio »
condividi:
Tweet





Upcoming Events

xx/xx/xx:  Special Sale on all products from noon until 3:00 pm!

xx/xx/xx:  Mayor Bob will be on hand for the ribbon cutting ceremony marking the opening of our newest location!

xx/xx/xx:  More stuff!